‘Gni la lune’ – ‘Con la luna’ poesia dialettale di Vincenzo Camillotti

Gni la lune – Con la luna, poesia dialettale abruzzzese di Vincenzo Camillotti, riconoscimento speciale per la sezione tema libero del Concorso di poesia religiosa 2017 dell’associazione culturale San Bartolo a Cintoia, in collaborazione con Isolottolegnaia.it

Gni la lune

A cuminzète tutte, quande

la lun’ascite sgubbète a punènde,

ci séme viste pi  cumbinazióne

attrvèrse  na fratte di róse,

e cchì putève pinsè ca nàsceve nu

sindimènde.

Zi scagnène turne, sóle león’e-luna leonésse,

ci lassen’-e artróvene ‘nsiéme,

piéne di suónne fàtt’-a-uócchie-apiérte,

alliscènnece e vascènnece ci facème prumésse.

Ariscìte gni la gòbba a levande massére,

da sópre a štù balcóne huardème lu mère,

hésse fè li spicchitte annènze a le  varche

che vanne fóre a fatijjè,

ll’uócchie z’arrizzene ngiele, la liunèsse armirè,

che mò père nà schiéffa d’ajje,

mi stè a salutè ‘nzièm’a tè, senza scuse cumiènze a tirè.

Z’appicc’e-z’armóre  accóma vò e pijjè ‘n-gire

tutte  lu mónne,

dópe-dumène, sgubbète a punènde z’arpresendè leonèsse,

sò prónde a uócchi’apiérte viderte cumbarì,

gni che la luce agnà prumésse,

ma ‘ndutte štù tembe cà passète,

na sóla vòte ti sijè fatte sindì,

mi sé tande cà štièngh’a-hecche accóme nu fèsse

Con la luna

È cominciato tutto, quando/la luna è uscita sgobbata a ponente,

ci siamo visti per combinazione/attraverso una fratta di rose,

e chi poteva pensare che nascesse un/sentimento.

Si scambiano turno, sole leone e luna leonessa,

ci lasciano e ritrovano insieme, pieni di sogni fatti ad occhi aperti,

carezzandoci e baciandoci ci facciamo promesse.

E riuscita con la gobba a levante questa sera,

da sopra questo balcone guardiamo il mare,

lei fa gli specchietti davanti le barche che vanno fuori a lavorare,

gli occhi si alzano in cielo, la leonessa a rimirare,

che ora sembra uno spicchio d’aglio,

mi sta salutando insieme a te, senza scuse cominci a tirare.

S’accende e si spegne come vuole e prende in giro tutto il mondo,

dopo domani, sgobbata a ponente si ripresenta leonessa,

sono pronto ad occhi aperti vederti comparire,

con quella luce come promesso,

ma in tutto questo tempo ce è passato,

una sola volta ti sei fatta sentire,

mi sa tanto che sto qui come un fesso

Vincenzo Camillotti – Ortona

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.