Pignone e San Frediano, mostra e spettacolo su come erano

Partiamo proprio dai confini del quartiere: lungo le mura di Santa Rosa un viottolino circondato da un bel giardinetto congiunge l'omonimo lungarno con Porta san Frediano e via Pisana. E ci sono anche panchine, muretti per sedersi e un bar all'aperto in stile playa... cosa volere di più?

Il Quartiere 1 (Centro Storico) e Quartiere 4 (Isolotto Legnaia) una mostra e una conferenza per mantenere  la memoria e illustrare la storia di come erano San Frediano e Pignone.

Venerdì 12 aprile, alle 17, presso il Circolo Rondinella del Torrino in Lungarno Soderini 2,  si terrà l’inaugurazione di ‘San Frediano e Pignone, 2 secoli di immagini’, una mostra fotografica documentaria a cura di Alessandro Parigi. L’esposizione sarà visitabile fino al 21 aprile. L’evento è realizzato in collaborazione con Aps Il Navicello e Associazione La Rondinella del Torrino

Giovedì 18 aprile, invece, alle 21, presso il Salone San Frediano all’ex Gasometro, si terrà la conferenza-spettacolo ‘Illuminare la città in tempo di notte”, a cura di Alessandro Parigi. Saranno proiettati video di Ugo Buonamici per la regia di Marcello Ancillotti, con Laura Frullini, Marco Predieri, Leonardo Previero, Marco Giachi e Graziano Dei. Questo evento vede la collaborazione oltre che di Aps Il Navicello, anche del Teatro di Cestello.

L’ingresso alle manifestazioni è gratuito. Per informazioni telefonare allo 055 215921.

I Quartieri 1 e 4 hanno sostenuto con convinzione e affetto questo appuntamento dell’Aps Il Navicello con la memoria – riferisce il Comune – La mostra fotografica e la conferenza spettacolo uniscono ancora di più due rioni storici di Firenze, quali San Frediano e Pignone, attraversati da memorie importanti per la cultura e la civiltà cittadina, e non solo. Da Vasco Pratolini al primo motore a scoppio di padre Eugenio Barsanti e Felice Matteucci, tanto per citare due esempi fra i molti. È così che le mura di Santa Rosa diventano non confine, ma vicinanza che accomuna: e ciò avviene attraverso due eventi, curati da Alessandro Parigi, in cui il ricordo e l’amore per il proprio territorio si fondono con l’arte fotografica e la magia del teatro.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.