Occcupazione ex Inps di via Foggini, tensioni e disagi al traffico

Ieri 19 gennaio 2018 scontri causati dall’occupazione della palazzina ex Inps di via Foggini

Botti e disagi al traffico: il racconto degli automoobilisti che transitavano

Ieri venerdì 19 gennaio 2018 nel tardo pomeriggio ci sono state segnalate tensioni e disagi al traffico in via Foggini. Le cause sarebbero da imputarsi allo scontro da tra  gli antagonisti che stavano occupando la palazzina ex Inps e le forze dell’ordine. L’edificio, occupato dallo scorso 28 dicembre, era già stato sgomberato il giorno precedente.

«In via Foggini intorno allle 19:00 – ha raccontato David, che si trovava a passare di lì in automobilie – e ho visto che stavano continuando a far sloggiare gente.  La strada era chiusa e c’era una grande confusione. Il traffico era completamente impazzito e sentivo dei forti scoppi e vedevo fumo salire (non ho idea se fossero dei lacrimogeni delle forze dell’ordine o dei petardi degli antagonisti, non so, ma sembrava stessero bombardando). Sentivo botti, fumogeni e ho visto persone incappucciate… un vero caos. Per arrivare da via Canova a via Foggini ci ho messo 20 minuti».

Rabbia tra gli automobilisti e i lavoratori che hanno vissuto pesanti disagi da  quei momenti: «Sembrava la guerra! Non mi sembra giusto che chi in nome di queste “occupazioni” si vada a creare disagi  a chi lavora onestamente – ha detto un lavoratore autonomo  che ha transitato di lì allo stesso orario – Io sono un artigiano e dopo una giornata a spaccarmi la schiena, l’unica cosa che vorrei fare è tornare dalla mia famiglia. Invece sono dovuto stare fermo in coda  a sopportare il traffico causato dai “rivoluzionari”».

«Possibile che si debba chiudere un’arteria fondamentale per il quartiere (con disagi ben oltre ) – si è sfogata sui social Simonetta – per questi nullafacenti che vengono pure difesi?  Lo spiegamento di forze, agenti in tenuta antisommossa etc…chi risponde di tutto questo? Ma questo è il rispetto?»occupazione via Foggini

Poco dopo le 21:00, quando siamo riusciti a giungere sul posto, la situazione era stata completamente sedata. Abbiamo rinvenuto dei volantini che spiegavano il punto di vista degli occupanti (vedi foto qui accanto).

 

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.