Solidali ai dipendenti dell’Ispettorato del Lavoro di Firenze

Isolottolegnaia.it solidale con i lavoratori dell’Ispettorato del lavoro di Firenze

Il sindacato Confintesa Fp Toscana: «basta con le promesse non mantenute»

Nessuno più al mondo deve essere sfruttato (nemmeno dallo Stato)

Quando è chi dovrebbe garantire la tutela dei lavoratori a sfruttarli significa che  qualcosa non torna alla base.

La manifestazione e il sit in che si stanno tenendo in queste ore in viale Lavagnini, davanti all’Ispettorato del lavoro è un grido di giustizia da parte dei lavoratori. Una legittima pretesa di coerenza verso chi ha il dovere di esere da esempio. L’organo di Stato che tutela i diritti dei lavoratori che non accoglie i diritti dei propri, di lavoratori. Di fronte a casi come questo, perché il cittadino dovrebbe avere fiducia nelle Istituzioni?

 Ispettori del lavoro che devono andare a garantire la tutela e i diritti dei lavoratori nelle fabbriche, cantieri, le aziende di tutta la provincia di Firenze con la propria macchina, la propria benzina.  Senza garanzie, senza assicurazioni.  E spesso a livello volontario, senza rimborsi certi, fuori dagli orari d’ufficio, per spirito di missione. Per garantire dignità a quegli operai e a quegli impiegati subissati da mobbing, mettere uno stop agli ambienti di lavoro disastrati, ai negozi e ristoranti con piattole e topi, ai laboratori artigianali di stranieri che vivono in barba a qualsiasi legge e che sempre di più stanno aumentando in tutta la provincia, al lavoro nero.

E oltre al giusto aspetto assicurativo e retributivo, aggiungiamo noi, c’è anche quello della sicurezza. Dietro a quei siopracitati fenomeni di lavoro illegale, ci sono spesso racket e organizzazioni criminali. Cosa vuol dire mandare gli ispettori con la propria macchina, la propria targa? Certamente non tutelare la sicurezza e la serenità del proprio personale.

Sappiamo che questa manifestazione è a un paio di chilometri dal nostro quartiere. ma riguarda anche noi. Riguarda tutti. Noi di Isolottolegnaia.it Esprimiamo la più totale solidarietà a questi lavoratori e riportiamo il comunicato integrale di Confintesa Fp index

Ispettorati del lavoro al collasso. Disagi oggi per la struttura di Firenze

Una situazione in procinto di esplodere quella che si sta delineando negli Ispettorati del Lavoro, dove i dipendenti si trovano a fronteggiare le maggiori incombenze di servizio in modo assolutamente anomalo. L’Ispettorato e le sue diramazioni territoriali nascono nel 2015 con l’istituzione dell’Agenzia unica per le ispezioni del lavoro cioè l’Ispettorato Nazionale del Lavoro il quale ha assorbito tutti i compiti ispettivi e di vigilanza in materia di lavoro, tra cui contribuzione, assicurazione obbligatoria e di legislazione sociale, compresa la vigilanza in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, accertamenti su infortuni sul lavoro, già esercitati dal Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, INPS ed INAIL.

WhatsApp Image 2017-10-26 at 10.23.32“Purtroppo fare le nozze con i fichi secchi non è mai possibile” osserva il Segretario Generale Regionale di Confintesa FP della Toscana Sandra Badii “Tantissime di queste attività vengono effettuate in esercizi, cantieri etc dai dipendenti ma nel proprio tempo libero e su base volontaria, sia nei giorni festivi che di notte, con l’utilizzo del mezzo personale. Le prestazioni di lavoro svolte con questa modalità, basandosi sulla buona volontà dei singoli dipendenti, e retribuite con salario accessorio precario e variabile di anno in anno, non sono certo l’ideale per la collettività e per i lavoratori. Tra l’altro, pare anche che, per errori contabili, il Ministero dell’Economia e delle Finanze non abbia certificato la retribuzione accessoria dell’anno 2016 e questo ne comporterà la restituzione salariale da parte del personale. Questo si aggiunge a tutta una situazione che a livello generale fa acqua da tutte le parti, come ad esempio la mancanza di formazione del personale o la valutazione della prestazione di lavoro in maniera oggettiva. Occorre dare nuovo impulso all’attività e che a livello centrale si prendano le responsabilità del caso. Per questo Confintesa FP della Toscana domani sarà al fianco dei lavoratori dell’Ispettorato Territoriale di Firenze che saranno riuniti in assemblea dalle 10 alle 12 del 26 ottobre p.v., con un sit-in di protesta di fronte alla struttura di via Spartaco Lavagnini in concomitanza con la l’assemblea nazionale che svolgerà a Roma e a manifestazioni simili in tutta Italia. Ci scusiamo per i disagi che il pubblico potrà avere per tutto questo ma è nostro preciso dovere spiegare quello che sta succedendo direttamente ai cittadini, perché tutte le scelte fatte dai vari governi poi alla fine ricadono sulla collettività”.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.