Renzo Pampaloni: «Turismo diffuso anche sui Quartieri»

Turismo diffuso, mobilità sostenibile, abbattimento delle barriere architettoniche: Renzo Pampaloni annuncia i suoi impegni nella corsa a Palazzo Vecchio

Renzo Pampaloni, per due  mandati consigliere del Quartiere 4 in quota Pd e presidente della Commissione servizi al territorio, fa un bilancio dei tanti lavori fatti in questi dieci anni a Villa Vogel  e annuncia la sua candidatura al Consiglio comunale. Ma lasciare Sala Tosca Buccarelli per il Salone dei Ducento, non vuol dire abbandonare il suo impegno locale: «Adesso vorrei continuare ad occuparmi dei temi del Quartiere anche dai banchi di Palazzo Vecchio», promette Pampaloni.

45 anni,  nato in Svizzera da mamma elvetica e babbo fiorentino, cresciuto all’Isolotto, è un ingegnere ambientale  e del territorio e si occupa di urbanistica e grandi progetti nella Pubblica amministrazione. In questi due lustri nel Consiglio circoscrizionale si è occupato di numerose tematiche che spaziano dall’urbanistica, ai lavori pubblici, sino alla disabilità e all’ambiente.

«Al Quartiere mi sono dedicato in particolar modo a incentivare l’uso della mobilità sostenibile, promuovendo la realizzazione di nuove piste ciclabili, la creazione di un pedibus per che giornalmente serve decine di bambini levando traffico e stress sulle spalle dei genitori – racconta il presidente di commissione uscente – Mi sono inoltre occupato del recupero di edifici abbandonati attraverso norme di autorecupero da parte dei futuri occupanti. Sono stato uno dei protagonisti dell’intensa fase di partecipazione che ha dato vita, tra gli altri, alla progettazione del nuovo comparto dei Lupi di Toscana, di piazza dell’Isolotto e di piazza Pier Vettori. Si tratta di progetti in fase di attuazione che vorrei continuare a seguire da vicino se sarò eletto in Consiglio comunale».

«Ho sempre creduto e mi batterò sempre per una città sempre più accessibile che sia a misura di bambino ma anche di portatori di handicap e degli anziani eliminando le barriere architettoniche anche con l’ausilio delle nuove tecnologie – continua – Firenze ha l’occasione di diventare in questo ambito un’eccellenza in Europa, ma per fare questo c’è bisogno di un progetto pluriennale e tanto impegno».

Rimane il suo impegno per la valorizzazione delle periferie; valorizzazione che in una città a vocazione turistica, può passare attraverso la promozione del territorio verso chi viene a visitare Firenze. Ma, per fare questo, sono necessarie adeguate infrastrutture di trasporto, spiega Pampaloni: «Ritengo opportuno valorizzare sempre di più le periferie incentivando il più possibile il turismo diffuso sui Quartieri, come succede nelle moderne città europee, anche grazie sviluppo delle tramvie, del sistema metropolitano ferroviario e della mobilità sostenibile che consentirà di ridurre la distanza tra il centro storico e le periferie».

Tuttavia il Quartiere rimane principalmente il luogo di chi lo abita, che spesso non è informato o non riesce a informarsi sulle cose che ha intorno. Per questo, conscio del valore della comunicazione locale, il consigliere ha avviato sul proprio sito web un  progetto di divulgazione sui fatti seguiti in Commissione: «Ho dedicato molto tempo alla comunicazione delle attività del Quartiere e della mia commissione. A tale scopo ho predisposto da alcuni anni un sito web chiamato “Una finestra sul Quartiere” dove poter trovare una finestra aggiornata sui lavori pubblici e sullo stato dell’arte dei progetti nato dall’impegno contratto nella scorsa campagna elettorale di tenere informati i cittadini, impegno che ho intenzione di continuare anche nel prossimo mandato».

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.