‘Ti ho cercato’, poesia di Giuseppina Mira

Ti ho cercato, di Giuseppina Mira. Terza poesia classificata sezione tema religioso del Concorso di poesia religiosa 2017 dell’Mcl di San Bartolo a Cintoia, in collaborazione con Isolottolegnaia.it

Ti ho cercato

Mi hanno strappato le ali d’aquila

e sghignazzavano per la mia sofferenza.

Mi hanno conficcato il filo spinato

nel cuore e insultavano il mio tremore.

Mi hanno denudato e mi hanno lasciato

sgomento nel vento mentre si vestivano

della follia dell’abuso.

Mi hanno concesso il grido della disperazione

e mi hanno rubato il canto della speranza.

Mi hanno sgozzato come pecora da macello

e hanno fatto bere il mio sangue alla terra.

Mio Dio, Mio Dio, perché mi hai abbandonato?

La luce urlava nel sentire i miei gemiti

e urlava sempre più forte

nell’ascoltare il Tuo silenzio.

Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?

I miei lamenti erano rami secchi

i miei occhi foglie ingiallite

il mio corpo un albero

che aveva subìto ogni scempio.

Mio Dio dov’eri in quei giorni?

Ti ho chiamato ma non mi hai risposto.

Ti ho cercato ma non Ti ho trovato.

A lungo Ti ho cercato.

Poi finalmente Ti ho trovato.

Mi hai mostrato il Tuo cuore

straziato, torturato, insanguinato.

Mi hai abbracciato.

Ho capito che mi hai sempre amato.

Giuseppina Mira – Siculiana (AG)

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.