VIDEO – Lancio della lanterna per Gariele Vadalà

Gli amici e i familiari in piazza dell’Isolotto lanciano una lanterna cinese, simbolo dell’anima di Gabriele che sale verso il cielo

Dopo un partecipatissimo funerale che ha visto piazza dell’Isolotto affollarsi di giovanissimi con la maglietta dei Rossi del calcio storico, squadra del cuore di Gabriele Vadalà, gli amici e i parenti del 16enne venuto a mancare in incidente in motorino si sono ritrovati nuovamente alla sera in piazza dell’Isolotto per ricordarlo.

Alla celebrazione funebre del mattino ha partecipato tutto il quartiere, con cori, applausi, fumogeni rossi, abbracci, singhiozzi strazianti dei ragazzi e delle ragazze che conoscevano Gabriele. Il dolore era forte, condiviso, ma si percepiva anche tutta la voglia di un comunità di affrontare insieme questo lutto, ricordare quella vita spezzata troppo presto. Un’amica di famiglia ha avuto un  malore per lo shock emotivo, è stata assistita da un nostro reporter che ha deciso in quel momento di non editare le riprese. Forse vi sareste aspettati video e fotografie, ma non abbiamo voluto. Siamo uomini prima ancora che giornalisti. Abbiamo voluto stare accanto a quella ragazza. Partecipare con gli altri Isolottini alla celebrazione.

La sera gli amici più stretti di Gabriele e la famiglia si sono ritrovati nuovamente in piazza, per lanciare una lanterna cinese, simbolo della sua anima che sale verso il cielo. Momenti struggenti. E non è mancata quella suspance che, sono pronti a scommettere gli amici rientrano in quel carattere così vivace di Gabriele, che avrà voluto lasciare un attimo con il fiato sospeso tutti quei ragazzi cui voleva bene: la lanterna sembra stare per andare a impigliarsi contro un albero – “chiamate i pompieri”, ironizza qualcuno per sdrammatizzare quel lancio che sembrava finire subito – ma improvvisamente scarta di lato e sale verso il cielo, sparendo dietro viale dei Bambini. Un vero dribbling tra i rami, come quelli che sapeva fare nel campino Gabriele con quelle sue scarpe perennemente nuove. E  un applauso saluta l’amico. Gabriele ce l’ha fatta.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.