CronacaNews

Carcere di Sollicciano, l’emergenza Covid-19 si aggiunge a quelle che già c’erano

Un detenuto positivo, ma è stato isolato in un apposito reparto. Progetto Firenze: « le misure di contenimento al contagio sembrano, al momento, adeguate»

Il_Tazebao

Palagi: «Diminuire la popolazione carceraria e mettere in discussione un sistema che reprime o rimuove tutto ciò che è povertà»

Lensi: «Appello alla Regione per vaccino anti influenzale ai 3.247 ristretti nei 16 istituti penitenziari regionali»

Don Russo: «Manca una prevenzione che dovrebbe partire in città, affrontando le sacche di povertà e il degrado a cui assistiamo sul territorio fuori dal carcere»

 

Venerdì Dmitrij Palagi, consigliere comunale di Sinistra Progetto Comune ha visitato assieme al presidente dell’associazione Progetto Firenze, Massimo Lensi il carcere di Sollicciano, a seguito dell’autorizzazione concessa dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria. Con loro anche il cappellano penitenziario, don Vincenzo Russo. Dopo alla direzione dell’istituto e alla polizia penitenziaria per la visita e al Garante regionale per essersi unito all’iniziativa, hanno riferito una situazione preoccupante, più che mai in emergenza Covid-19.
“Ad agosto dello scorso anno il sindaco di Firenze ha proposto di costruire un carcere più grande, abbattendo Sollicciano – ha dichiarato Dmitrij Palagi – Ipotesi che avevamo considerato sbagliata dall’inizio. In Consiglio comunale era stata approvata la nostra richiesta di una seduta dedicata alla detenzione e al sistema penale. Purtroppo poco è avvenuto in questi mesi, nonostante l’impegno del Presidente del Consiglio e di alcuni consiglieri della maggioranza. Quello che devono fare, la politica e le istituzioni, è diminuire la popolazione carceraria e mettere in discussione un sistema che reprime o rimuove tutto ciò che è povertà, rendendo gli istituti penali delle ‘discariche’” .

dimitrij palagi
Il consigliere comunale Dimitrij Palagi

“Nell’istituto fiorentino, le misure di contenimento al contagio sembrano, al momento, adeguate  – ha commentato il presidente dell’associazione Progetto Firenze, Massimo Lensi – Tre sezioni sono state organizzate in reparti di isolamento preventivo, con celle singole, per i nuovi giunti. I posti letto sono 41 al maschile e 3 al femminile. Inoltre, è stato creato un reparto Covid con 4 posti letto, all’interno del quale è attualmente ricoverato un positivo. Lancio un pressante appello alla Regione Toscana affinché inserisca nella categorie a rischio per il vaccino anti influenzale i 3.247 ristretti nei 16 istituti penitenziari regionali”.

Marzo 2020, carcere di Sollicciano durante la protesta: una colonna di fumo nero visibile da tutto il quartiere. Fonte: Uilpa Polizia penitenziaria
Marzo 2020, carcere di Sollicciano durante la protesta: una colonna di fumo nero visibile da tutto il quartiere. Fonte: Uilpa Polizia penitenziaria

“La struttura di Sollicciano non aiuta qualsiasi tipo di procedura si voglia immaginare – ha detto  don Vincenzo Russo – Chiediamo un intervento al Ministero. Negli anni le cose sono peggiorate, offendendo le persone che sono all’interno. Viene negato il diritto di effettuare percorsi diversi da quelli attuali, che guardino anche all’elemento educativo. Manca una prevenzione che dovrebbe partire in città, affrontando le sacche di povertà e il degrado a cui assistiamo sul territorio fuori dal carcere”.

La nostra attività è possibile anche grazie al sostegno di queste attività di quartiere
Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close