Cronaca

‘Fratelli feroci’, poesia di Giordano Antonino

Fratelli feroci, di Giordano Antonino, quarta poesia classificata sezione tema libero del Concorso di poesia religiosa 2017 dell’Mcl di San Bartolo a Cintoia, in collaborazione con Isolottolegnaia.it

Fratelli feroci

Piangeva di fatica la Natura,

cupe le piante e macilenti i visi.

Cappa di crudeltà, fosca ed impura

ha stretto in un viluppo tutta Assisi.

Di notte mente e cuore avevo pieni

e ho bagnato di pianto il mesto viso.

Forse non soffri più, Giulio Regeni

ma chiederà perdono chi t’ha ucciso?

Un tuono, un terremoto scuote il piano,

il Cielo s’apre ed il suono cresce.

Celo il volto. Chi prende la mia mano

mentre dal cuore una preghiera m’esce?

Sgrano gli occhi: s’è popolato il prato.

Leone e tigre leccano il mio viso,

l’agnello sta col lupo accoccolato

e intorno a me v’è tutto un Paradiso.

L’erba, l’acqua, la terra m’è sorella

e tutto m’è dintorno casto e fresco.

Sopra di me s’illumina una stella

E vedo che m’è accanto San Francesco.

Mi s’appressa con tigre e con leone.

“Guarda che per ferocia non sei terzo.

L’uomo d’oggi ha perso la ragione:

tortura, uccide e sbrana anche per scherzo.

Maledetto da Dio fu anche Caino.

Gesù sfregi ha sofferto sulla Croce.

Potente e iniquo, pavido e meschino

con i fratelli chi è vile e feroce.

Belve lottan per cibo e discendenza,

per mantener se stessi e la lor razza.

Hanno l’istinto e non falsa coscienza.

L’umanità è più feroce e pazza”.

Finito è il tempo dell’amor fraterno?

“L’uomo abietto massacra per capriccio!

Gode solo nel male ed è l’ Inferno”.

Piange Francesco. L’uomo? Che pasticcio!

Giordano Antonino – Palermo

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close