CronacaNews

Nodo di Ponte a Greve, Pampaloni, Pastorelli, Calistri: “accordo con Terna quanto prima”

Per il secondo lotto dei lavori è necessario abbattere un traliccio della corrente, che la società prevede di spostare nel 2023

Ok!MissDora

Il presidente della Commissione urbanistica Renzo Pampaloni ha presentato una domanda d’attualità sulla nuova viabilità nel nodo di Ponte a Greve, a cui ha risposto l’assessore Stefano Giorgetti. Se il primo lotto verrà assegnato entro dicembre,e verrà completato entro otto mesi, per il secondo è necessario concludere un accordo con Terna, la quale dovrebbe spostare un traliccio dell’alta tensione che interessa l’area del progetto entro il 2023.

“Si tratta del lotto 1 del nodo della nuova viabilità a Ponte a Greve ed è un progetto da tempo in discussione al Quartiere 4 e molto atteso dalla popolazione. Sarà un modo per facilitare la fruibilità della zona e migliorare i collegamenti. Ci sono molte strade – ha spiegato Pampaloni assieme ai consiglieri Pd Leonardo Calistri e Francesco Pastorelli – che non possono più reggere il carico presente ed è, dunque, necessario intervenire. Come ci ha spiegato l’assessore Giorgetti il nodo di Ponte a Greve è strategico. Verrà realizzato in due fasi. Il lotto 1 andrà in gara entro dicembre”.

Il presidente della Commissione urbanistica Renzo Pampaloni
Il presidente della Commissione urbanistica Renzo Pampaloni

“Si ipotizza poi che i lavori potranno essere realizzati entro sei o otto mesi e prevedono anche una nuova rotatoria in via Baccio da Montelupo e l’allargamento dello svincolo della Fi-Pi-Li al Ponte all’Indiano per avere più capacità di immissione su via Baccio da Montelupo ma anche per tornare verso il Ponte all’indiano – continuano i tre consiglieri di maggioranza – Il secondo lotto è già in fase di progettazione ma ci sono dei vincoli: si prevedono nuove rotatorie ma anche un collegamento su un’area dove è presente un elettrodotto, con un traliccio che Terna prevede di spostare nel 2023. Sarà la viabilità che interessa via Frazzi e poi si immette su via Baccio da Montelupo”.

Il consigliere Francesco Pastorelli
Il consigliere Francesco Pastorelli

“Le Commissioni si sono già occupate del primo lotto. È importante procedere anche sul secondo lotto – aggiungono Pampaloni, Calistri e Pastorelli – che andrà a completare la viabilità fra via Pisana e via Baccio da Montelupo e l’auspicio è che si trovi un accordo con Terna quanto prima”.

Il consigliere Leonardo Calistri
Il consigliere Leonardo Calistri

“È necessario continuare i colloqui affinché il secondo lotto venga fatto in tempi relativamente vicini a quelli del primo lotto – concludono i tre dem – L’impegno dell’Amministrazione non è mai venuto meno ed è fondamentale per quel quadrante anche in vista delle nuove espansioni urbanistiche che avremo con i Lupi di Toscana. Continueremo a seguire da vicino e monitorare l’andamento dei lavori, essendo questa una priorità per il territorio”

La nostra attività è possibile anche grazie al sostegno di queste attività di quartiere
Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close