CronacaNews

Residenti di Pontignale: «Avvicinateci il bus 27»

Gli abitanti del borgo antico distano più di mezzo chilometro dalla fermata. Spostare il capolinea sarebbe semplice, ma il bus non riuscirebbe a girare per il parcheggio selvaggio: «Così si premia l'inciviltà invece del trasporto pubblico»

Il_Tazebao

È una richiesta che va avanti da anni inascoltata quella di una fermata del bus per i residenti del borgo antico di Pontignale. Tra promesse, rimandi e poi dinieghi, le poche decine di persone, perlopiù anziani, che abitano qui hanno perso le speranze di veder allungare il capolinea del 27 almeno fino al sottopasso  della Fipili che separa quello spicchio di campagna del comune di Firenze dai moderni quartieri, perlopiù parte di Scandicci. Ma non si sono dati per vinti e tornano più battaglieri che mai.

L'attuale capolinea, del 27 davanti all'hotel
L’attuale capolinea, del 27 davanti all’hotel

Perché questo lembo di terra di confine, un tempo piccolo borgo di rurale della piana, è ora stretto e isolato tra la superstrada, l’autostrada e il confine comunale con Scandicci. Un rione sconosciuto ai più, e spesso dimenticato anche dall’amministrazione. Ora hanno finalmente portato i lampioni e le strisce pedonali; ma ancora mancano i marciapiedi e il trasporto pubblico rimane un sogno.

27 all'attuale capolinea
27 all’attuale capolinea

Chi abita qui, per raggiungere un autobus che lo porti verso la città, deve arrivare fino davanti all’hotel quasi all’uscita dell’autostrada, ai margini opposti della parte nuova di Pontignale. Più di mezzo chilometro di distanza, sole o pioggia, per andare a prendere il 27 che porta a Casellina, Ponte a Greve, Torregalli, centro di Scandicci e Vingone.

Il borgo antico di Pontignale
Il borgo antico di Pontignale

Premesso che far passare il bussino dal sottopasso e farlo girare da Badia Settimo, potrebbe essere quanto mai farraginoso e allungare troppo il percorso, la soluzione proposta dai residenti sarebbe quanto mai semplice: spostare il capolinea più avanti di trecento metri su via Stilicone, almeno fino all’angolo con il sottopasso.

sottopasso capolinea proposto da residenti pontignale

Qui le soluzioni però potrebbero essere due: o far tornare giù per via Stilicone il bus,  ma in questo caso potrebbero esserci difficoltà a fare inversione a U del mezzo, anche se era stata proposta la possibilità di fare una piccola rotonda arretrando lo stop e recuperando spazio; o come richiesto, farlo rientrare dalla parallela, via del Pantano, per tornare alla rotonda. E qui casca l’asino: il parcheggio selvaggio delle automobili, accatastate sui marciapiedi e sulle aiuole, che porterebbero l’autobus a incastrarsi, a non riuscire a passare. Un paradosso: in una zona quanto mai piena di parcheggi enormi e vuoti, dove tutte le case hanno il garage, ci sono strade dove le macchine quasi sono sovrapposte.

Questo tratto di via del Pantano è sempre pieno di auto in sosta nonostante il divieto
Questo tratto di via del Pantano è sempre pieno di auto in sosta nonostante il divieto

«Vogliono parcheggiare sotto al portone – sbotta Adriana, che ogni mattina si deve alzare alle 4,30 per essere a lavorare in viale Talenti alle 6 con i mezzi pubblici – Potessero, la parcheggerebbero anche in casa».

Giardini rovinati dalle macchine che ci parcheggiano abusivamente
Giardini rovinati dalle macchine che ci parcheggiano abusivamente

Fatto sta che per dar spazio a chi parcheggia in maniera irregolare e in divieto di sosta, non lo si dà a chi ha bisogno del bus: «Basterebbe che mandassero i vigili a fare le multe una volta a settimana, smetterebbero con queste abitudini incivili – dice Pasquale, mostrando come anche i giardinetti su via del Pantano siano rovinati dai solchi degli pneumatici e gli zoccolini delle aiuole rovinati – e poi l’autobus ci girerebbe proprio bene, portando un servizio a tutti».

Ancora aiuole rovinate dai parcheggi selvaggi
Ancora aiuole e bordature di contenimento rovinate dai parcheggi selvaggi

Eppure nel tempo da Quartiere e Comune di promesse di intenti ne sono arrivate, ma nulla si è concretizzato. Il 27 continua imperterrito a fare capolinea davanti all’hotel, lontano da quel borgo antico ed esiliato. Le promesse sono tutte cadute nel vuoto. E i residenti, non possono nemmeno attaccarsi al tram.

capolinea 27 hotel pontignale (3)

 

La nostra attività è possibile anche grazie al sostegno di queste attività di quartiere
Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close