CronacaNews

Protesta degli ambulanti, 1300 furgoni sfilano per la città

La manifestazione organizzata da Assidea passata anche dal nostro quartiere. Gli esercenti: «mai più mercati chiusi»

Il_Tazebao

Non ne possono più gli ambulanti dei mercati, costretti alla chiusura dalle restrizioni imposte per il contenimento della pandemia da Covid-19. Ieri 1300 furgoni del banchi hanno sfilato per la città, per chiedere la riapertura dei mercati, l’annullamento del suolo pubblico e l’apertura di un tavolo di crisi del settore. La manifestazione, promossa dall’associazione di categoria Assidea, è partita dal mercato di Pistoia, poi, dall’Osmannoro, ha attraversato Ponte all’Indiano, Isolotto, piazzale Michelangelo ed è arrivata davanti al Consiglio Regionale.  “Mai più mercati chiusi, #ilmiolavorounicoristoro“, lo slogan issato sui furgoni e sui vessilli degli ambulanti. Una delegazione del direttivo di Assidea è stata ricevuta dal Prefetto di Firenze Alessandra Guidi

protesta ambulanti assidea (1)

Un’adesione dai numeri impressionanti, che ha paralizzato il traffico, ma anche acceso i riflettori e dato dignità a un settore dimenticato, quello dei commercianti dei mercati, in particolare quelli in particolare quelli del comparto extralimentare, ancora più colpito e che viaggia a singhiozzo da oltre un anno. Gli esercenti sono arrivati da tutta la Toscana per affermare con forza il loro diritto di tornare a lavorare e misure di sostegno adeguate.

protesta ambulanti assidea (5)

protesta ambulanti assidea (4)

Per questo gli ambulanti richiedono la riapertura immediata di tutti i mercati per tutte le categorie merceologiche, l’annullamento del pagamento suolo pubblico fino al 31 dicembre 2021, un anno fiscale bianco con interventi sulla parte contributiva, misure sostegno concreto al settore e l’attivazione di un tavolo di crisi per il commercio ambulante.

protesta ambulanti assidea (3)

protesta ambulanti assidea (2)

«Una adesione altissima da tutta la Toscana come mai si era vista per il nostro settore – ha spiegato il presidente Assidea Alessio Pestelli – e che dimostra come quello delle mancate riaperture e della mancate misure strutturali di sostegno, sia un problema reale, urgente e non più rinviabile. Adesso è il tempo di dire basta alle chiusure che, di fatto, penalizzano quasi esclusivamente gli ambulanti e i mercati ed è arrivato il momento di prendere le decisioni: si riaprano i mercati, si annulli il versamenti del suolo pubblico fino a fine anno e si apra un tavolo di crisi per il settore. E ora che la politica torni a fare scelte nell’unico interesse delle sue imprese e dei suoi cittadini. I mercati all’aperto sono luoghi sicuri. Ci scusiamo ancora una volta con la città per i disagi creati, ma l’unica responsabilità è di una politica sorda incapace di ascoltare i bisogni reali del Paese».

La nostra attività è possibile anche grazie al sostegno di queste attività di quartiere
Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close