CronacaNews

Scandicci, premio al Russell Newton come miglior progetto di alternanza scuola lavoro

Fiabe multiculturali, magliette e ginnastica per bambini:   così i ragazzi del Russell Newton hanno immaginato una loro scuola dell’infanzia

L’altro ieri, 9 ottobre 2019, i ragazzi del Liceo delle Scienze umane Russell Newton di Scandicci sono stati premiati  dalla Regione a Didacta, la fiera dedicata al mondo della scuola. I liceali hanno simulato un’impresa cooperativa e l’apertura di una scuola dell’infanzia per bambini di diverse nazionalità, grazie al progetto “Toscana 2020 – Il Rinascimento della cooperazione” inserito nelle attività di alternanza scuola-lavoro e promosso da Confcooperative Toscana e dalla Federazione Toscana delle BCC, lavoro che è stata riconosciuta come la migliore iniziativa di alternanza scuola-lavoro sull’autoimprenditorialità attuata in una scuola toscana nell’anno scolastico 2017-18. Gli allievi del Russel Newton hanno realizzato il progetto proponendo fiabe multiculturali in lingue diverse, laboratori di psicomotricità per bambini piccoli, magliette per riconoscere se stessi negli altri.

Gli studenti del Russell Newton, Liceo delle Scienze Umane di indirizzo Economico Sociale, hanno svolto nella terza classe 90 ore di alternanza per simulare l’apertura dell’ICS (impresa cooperativa simulata) “Humans”; nell’anno scolastico successivo si sono aggiunti poi stage nelle cooperative del territorio (Allenamente, Bambini in movimento, reteSviluppo, Con Voi). A fianco dell’ICS “Humans” in particolare nella fasi di costituzione la BCC Banco Fiorentino e i tutor Martina Morandini e Paolo Giusti (della coop Con Voi).
Alla premiazione erano presenti la dirigente dell’Istituto Russell Newton di Scandicci, Professoressa Anna Maria Addabbo, la professoressa Enrica Lanfredi responsabile dei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento dell’indirizzo Liceo delle Scienze Umane e referente del progetto, il professor Sergio Berardi, tutor della classe e due studenti, in qualità di Presidentessa e di Vicepresidente della Cooperativa Simulata Humans.

 

“La collaborazione con Confcooperative – spiega la professoressa Enrica Lanfredi – ci ha introdotto alla realtà delle cooperative sociali, che è ricca di sfaccettature e di specificità, ma che è soprattutto in grado di costituire oggi una valida e concreta opportunità perché i giovani possano collaborare e crearsi una occupazione”.

Gli studenti hanno simulato l’apertura sul territorio di una cooperativa per una nuova scuola materna privata per bambini di diverse nazionalità, aperta anche a chi presentasse difficoltà di apprendimento o di relazione: “Questo servizio per l’infanzia è oggi sempre più richiesto e dunque nel concreto economicamente interessante per la creazione di una nuova impresa, oltre ad essere in linea con il profilo dell’indirizzo Liceo Scienze Umane frequentato da questi studenti”, aggiunge la professoressa.

L’esperienza si è arricchita dei contributi di tutti i docenti del Consiglio di classe: le tre docenti di lingue straniere hanno seguito gli studenti per la creazione di materiale di lavoro come fiabe multiculturali in lingua; la professoressa di storia dell’arte ha incoraggiato il disegno di magliette per l’infanzia con giochi sul riconoscimento di se’ e degli altri; l’insegnante di educazione fisica ha presentato il tema della psicomotricità infantile e preparato un laboratorio di esercizi da proporre a bambini 3-6 anni; la docente di Scienze Umane ha lavorato sul tema della identità e del disagio;  il professore di diritto ha accompagnato la classe nello studio degli aspetti tecnico-giuridici legati alla creazione di una nuova impresa.

Il valore aggiunto dell’esperienza di Alternanza scuola-lavoro gestita in collaborazione con Confcooperative Toscana lo sottolinea la professoressa Lanfredi: “Una cooperativa sociale, nella simulazione come nella realtà, consente di coinvolgere tutti i componenti di un gruppo in cerca di impiego, valorizzando ciascuno per le proprie attitudini, quali che ne siano le maggiori o minori capacità e abilità, risultando una realtà inclusiva”.

“L’esperienza dei ragazzi del Russell-Newton è un bell’esempio di come il mondo cooperativo possa trasmettere alla scuola quei valori e quelle competenze che servono a dare ai ragazzi strumenti utili al loro futuro ma anche comunicare entusiasmo e voglia di fare la differenza sul proprio territorio – commenta Claudia Fiaschi, presidente di Confcooperative Toscana – Importante è stato in questo caso anche il lavoro di team che si è sviluppato grazie ai contributi dei professori, un lavoro articolato, ricco di diversi approcci e di diverse metodologie didattiche che è stato giustamente premiato dalla Regione. Un modo diverso per imparare dai banchi di scuola fino agli stage in cooperativa”.

Fonte: comunicato stampa

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close