CronacaNews

sgominata grossa banda di corrieri di marijuana

Mezza tonnelata di marijuana sequestrata e cinque arrestati stamani

Una banda italo albanese di narcotrafficanti agiva tra Albania, Brindisi, Firenze e Siena

Stamani alle prime luci dell’alba, cinque persone sono state arrestate  dai Carabinieri del Comando provinciale di Firenze, con il supporto dei Comandi competenti per territorio perché ritenute responsabili di “associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti con l’aggravante della transnazionalità”. Tre degli indagati sono stati sottoposti alla custodia in carcere e due agli arresti domiciliari.

I militari hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, disposta dalla dottoressa Antonella Zatini, Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Firenze su richiesta del sostituto procuratore dottor Giuseppina Mione, della Procura distrettuale antimafia fiorentina.

Gli arresti sono stati eseguiti nelle province di Firenze, Siena, Brindisi e anche in Albania (per due destinatari) grazie alla collaborazione della Polizia di Stato albanese, attivata tramite il Servizio Cooperazione Internazionale di Polizia – 3^ Divisione Interpol.

Il provvedimento è stato emesso a conclusione di articolate indagini avviate nel gennaio del 2018 dal Nucleo investigativo del Reparto operativo, che hanno permesso di individuare un gruppo criminale organizzato, composto prevalentemente da soggetti di nazionalità albanese, dedito all’importazione, al trasporto e alla distribuzione di ingenti quantitativi di marijuana. Tutto era cominciato il 12 gennaio dello scorso anno, quando a Magliano Sabina,in provincia di Rieti, lungo l’autostrada A/1 direzione Nord, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Firenze avevano trovato  e arrestato un corriere albanese diretto in Toscana, fermato mentre trasportava 70 chili di marijuana; poche settimane dopo, il 15 febbraio 2018, nella periferia orientale di Roma, i Carabinieri della Compagnia di Frascati, attivati dai colleghi di Firenze, hanno tratto in arresto un corriere italiano, che trasportava 178 chili. di marijuana, e due destinatari albanesi della sostanza, nella cui abitazione venivano rinvenuti ulteriori 188 chili della stessa droga, bilance di precisione e materiale per il confezionamento.

Lo stupefacente – rendono noto i Carabinieri – trasportato a bordo di imbarcazioni dall’Albania sulle coste brindisine, veniva ivi stoccato in isolate località litoranee attraverso l’appoggio logistico di pregiudicati appartenenti alla criminalità pugliese, tra cui Palma Saverio, uno dei destinatari del provvedimento. Successivamente, mediante l’utilizzo di corrieri, la marijuana veniva inviata in un flusso costante alle principali piazze di smercio italiane, tra cui Roma, Napoli, Milano e Firenze. Proprio in Toscana l’organizzazione disponeva di un nucleo, del quale facevano parte Lusahj Armand, Hamzaj Indrit e Alliaj Julian, particolarmente attivo nell’approvvigionamento di marijuana per la vendita nei comuni fiorentini, aretini e senesi.

Il principale indagato Serianj Flodian, trafficante avente stabili collegamenti con la Toscana, che faceva la spola tra l’Albania e la provincia di Brindisi per organizzare l’arrivo dei carichi, è stato localizzato e tratto in arresto nel Paese d’origine.

Nel corso dell’indagine, condotta con il costante supporto della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, è stata sottoposta a sequestro circa mezza tonnellata di stupefacente.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close