CronacaNews

Viale Nenni, via la strettoia, forse arriva un’isola ecologica

Votata una mozione presentata dal Pd per levare il restringimento di carreggiata, portare il marciapiede e bonificare l'area ex Morandi. la questione fu già portata da Firenze riparte da sinistra nel 2018. Nel terreno attiguo potrebbe sorgere una stazione di Alia.

Il_Tazebao

Finalmente sparirà l’odiosa (e pericolosa) strettoia di viale Nenni che più volte abbiamo denunciato su queste colonne. Un’annosa situazione sul vialone di Scandicci, come viene chiamata bonariamente in zona la strada. Da sempre questo è uno dei tratti più rischiosi per i pedoni, ma anche per automobilisti, moto e biciclette. Quest’ultime certo, sono aiutate dalla nuova pista ciclabile, ma il rischio con quella corsia che sparisce d’improvviso prima della rotonda di San Lorenzo a Greve, rimane concreto. Il problema al centro di tutto, l’area ex Morandi da bonificare. E quell’infausto tratto all’altezza di via Caravaggio, direzione Scandicci, per ora c’è.

Tuttavia questa forse è la volta buona. A smuovere la situazione nel palazzo, a onor del vero fu la la sinistra di Grassi, Trombi e Verdi e nel 2018. Ora la mozione approvata in Consiglio comunale è portata dalla Commissione ambiente e mobilità, presentata dal Pd, con primo firmatario il consigliere Massimiliano Piccioli.

strettoia viale Nenni ridotta

Questioni di merito a parte, non solo il restringimento sparirà e l’area sarà bonificata; ma qui potrebbe sorgere anche una nuova isola ecologica di Alia:

“Un atto che va nella giusta direzione per rendere più sicuro e fruibile un tratto di strada strategico e che attendiamo con da anni – ha spiegato il consigliere Pd Massimiliano Piccioli – Si tratta di un’area, conosciuta come ex Morandi, a suo tempo stralciata dal progetto della Linea 1 della Tramvia perché richiedeva un intervento di bonifica, che interferiva con la carreggiata stradale. Nel corso degli anni  l’intervento non è stato fatto e che più volte anche dal Consiglio Comunale e dal Quartiere 4 sono stati fatti atti di indirizzo e di controllo su questa questione per assicurare al viale Nenni un assetto stradale adeguato e in sicurezza, anche per i pedoni che non hanno nemmeno il marciapiedi. È stato ipotizzato dall’Amministrazione un intervento di bonifica all’interno di un progetto più ampio, cioè con destinazione dell’area in questione a stazione ecologica Alia Spa. Questa soluzione – ha aggiunto Piccioli – potrebbe permettere di risanare l’area e fornire un servizio utile e necessario ai cittadini della zona sud-ovest della città. La mozione invita il sindaco a verificare con Alia Spa la possibilità di realizzare sull’area una delle stazioni ecologiche previste nel contratto di concessione del servizio integrato di gestione rifiuti a uso della zona; a tenere informato il Consiglio Comunale sugli sviluppi dei rapporti con Alia Spa anche rispetto all’individuazione in tutti quartieri della città di isole ecologiche a disposizione dei cittadini; ad ipotizzare, una volta definite le procedure urbanistiche, i tempi per il risanamento dell’area e la messa in sicurezza di viale Nenni. Se non si concretizzasse l’interessamento di Alia Spa si chiede che vengano messe delle risorse in bilancio per la bonifica ed eliminare la strettoia di viale Nenni”.

“C’è stata una discussione importante in Commissione per una situazione che era stata affrontata prima della pandemia  – ha detto il presidente della Commissione ambiente Leonardo Calistri – C’è necessità di risolvere la questione in fondo a viale Nenni, una questione affrontata anche all’interno del Quartiere 4. occorre dare una svolta per rendere più fruibile quella strada che collega Firenze a Scandicci e renderla più sicura. Con questo atto desideriamo migliorare la situazione e far ripartire Firenze”.

La nostra attività è possibile anche grazie al sostegno di queste attività di quartiere
Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close