CronacaNews

Centro equestre fiorentino, Sinistra progetto comune in difesa del maneggio per disabili

Palagi e Zolesi di Sinistra progetto comune, si oppongono alla chiusura del Centro equestre fiorentino e chiedono delle risposte

Palagi e Zolesi, consiglieri di Sinistra progetto comune rispettivamente a Palazzo Vecchio e Villa Vogel, si schierano perché continui l’attività del centro equestre fiorentino, da quasi un anno a rischio chiusura.  Il maneggio dell’Argingrosso frequentato soprattutto da ragazzi disabili opera solo grazie alla volontà dei genitori che si sono riuniti in un’associazione per proseguire le attività, e attendono risposte dall’Amministrazione sul futuro della struttura otto sfratto. Il centro equestre era stato al centro delle cronache un mese e mezzo fa, quando un senza fissa dimora si era introdotto nella struttura aggredendo i frequentatori.

«Lunedì chiederemo all’amministrazione maggiori chiarimenti in merito al futuro del Centro Equesto Fiorentino. Il Consiglio comunale all’unanimità, il 25/02/2019, si era espresso a favore di un impegno volto a garantire la continuità di un’attività fondamentale per le persone che usufruiscono dell’ippoterapia. Si tratta – spiegano in consigliere comunale di Sinistra progetto Comune Dimitrij Palagi ed il consigliere del quartiere 4 di Sinistra Progetto Comune Filippo Zolesi – di un servizio sociale di eccellenza nel panorama italiano e che qualifica positivamente un’area che altrimenti rischia di ritrovarsi in una condizione di abbandono, come la cronaca recentemente ci ha ricordato. Un passaggio dell’area a finalità prevalentemente sportive, con anche elementi sociali, ci sembra sbagliato. Comprendiamo che si debbano ottenere tutti i pareri positivi necessari per risolvere una situazione di problematicità tecnica dovuta alla compatibilità idraulica e al vincolo paesaggistico. Capiamo anche che deve essere risolta la situazione di morosità».

«Da parte del Centro Equestre Fiorentino esiste però una disponibilità massima a tutelare la propria attività, importantissima sul piano terapeutico e sociale, confrontandosi con l’Amministrazione per trovare le giuste soluzioni. L’Amministrazione – concludono Palagi e Zolesi – parla di bando per “finalità anche sociali”. Non basta e soprattutto ci pare che la replica dell’assessore si limiti ad abbandonare il Centro Equestre Fiorentino all’esaurimento della sua importante storia. Ci opporremo in ogni modo a questo pericolo, confidando di riuscire a ottenere maggiore disponibilità da parte della Giunta e della maggioranza»

Intanto i genitori dei ragazzi disabili organizzano per questo sabato una cena di autofinanziamento per il Centro equestre fiorentino

fonte: Comune

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close