CronacaNews

Del Re: «Ciò che abbiamo fatto e stiamo facendo sulla caserma Lupi di Toscana parla da solo, ma se ne parla troppo poco»

70% housing sociale, 12 ettari di verde pubblico su 20 totali, monorotaia, ciclabili, coworking, cinema e altri servizi

Ok!MissDora

Interviene l’assessora all’urbanistica Cecilia Del Re dopo l’approvazione questo pomeriggio del piano particolareggiato  in Consiglio comunale per il nuovo quartiere che sorgerà nell’area dell’ex caserma Gonzaga Lupi di Toscana, che aveva presentato come delibera in Aula. Parole di soddisfazione, ma che non celano anche l’emozione per il traguardo raggiunto dopo un lungo percorso, per un progetto che cambierà il volto di quella parte di città tra Firenze e Scandicci:

«Ciò che abbiamo fatto e stiamo facendo sulla caserma Lupi di Toscana parla da solo, ma se ne parla troppo poco – ha detto l’assessore Del Re -. Alla caserma Lupi di Toscana, oggi di proprietà comunale, sarà demolito l’edificato esistente, salvo il fronte della palazzina comando, e sarà ricostruita questa nuova “città nella città” lungo un asse che collega Scandicci a Torregalli, con un sistema di verde pubblico che occupa 12 ettari su 20, il 70% di edificato destinato al tema della casa (con Erp e housing sociale) e un sistema di mobilità dolce e sostenibile grazie a una fitta rete di piste ciclabili e a un collegamento elettrico su monorotaia lungo l’asse principale. Nella parte della palazzina comando e dei plessi all’ingresso, andranno importanti funzioni e servizi, per i quali da aprile a oggi abbiamo già ottenuto i finanziamenti candidandoci al bando Pinqua sulla qualità dell’abitare».

«È dunque questo davvero il primo esempio di città post covid, che ricuce un territorio frammentato, con “un’idea semplice e forte”, come la definì l’architetto Natalini, che partecipò al concorso di idee bandito per la caserma – continua l’assessora all’Urbanistica – Ad aggiudicarselo fu l’architetto Pier Paolo Poloni, all’epoca 35enne, sorprendendo tutti. Sorprese anche l’architetto Natalini, che gli inviò il giorno dopo la bellissima lettera che ho letto oggi in Consiglio comunale. Una lettera di una bellezza unica, che rappresenta la speranza verso la possibilità che anche i giovani possano trovare spazio e che possano farlo per il loro merito, per le loro idee semplici e forti».

Il presidente di Quartiere 4 Mirko Dormentoni e l'assessore all'Ambiente Cecilia Del Re
Il presidente di Quartiere 4 Mirko Dormentoni e l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re

Il piano particolareggiato

L’intervento prevede la demolizione di gran parte dell’attuale ex Caserma (Sul stimata 33mila mq) e la realizzazione di un nuovo insediamento con un mix funzionale, articolato in diverse destinazioni d’uso: 36mila mq di residenziale (Social Housing), 4mila mq di commerciale, 6mila mq di direzionale, 5mila mq di turistico-ricettivo e 2mila mq di industriale/artigianale per una superficie utile lorda complessiva di 53mila mq. La scheda del regolamento urbanistico vigente prevede una superficie utile lorda di 53mila mq ottenuta aggiungendo agli attuali 33mila mq di Sul una quota di 20mila mq ottenuta dal trasferimento da altre parti degradate della città. Questa operazione si è dimostrata però di difficile attuazione. Pertanto, vista la forte volontà dell’Amministrazione di promuovere la realizzazione di housing sociale, è stata predisposta una variante al piano strutturale per sostituire la quota di Sul non ottenuta dal trasferimento con una equivalente quota di housing sociale. Tale deroga al principio dei volumi zero riguarda esclusivamente la realizzazione di housing sociale.

Il piano ha come riferimento progettuale la soluzione vincitrice del concorso internazionale di idee del 2018 e si basa sulla creazione di un grande spazio pubblico centrale ciclo-pedonale di collegamento tra viale Nenni e via di Scandicci intorno al quale vengono organizzate tutte le funzioni proprie della città contemporanea. La procedura concorsuale, svolta tra il 2016 e il 2018, è stata curata dall’Amministrazione comunale in qualità di proprietaria del complesso immobiliare con il contributo economico del Demanio. Il progetto vincitore è stato elaborato da Paolo Luigi Poloni capogruppo, con Federico Ghirardelli e Massimiliano Saracino. Al concorso, l’Amministrazione è arrivata a seguito del percorso di partecipazione ‘Non case ma città 2.0’, che ha visto il coinvolgimento di oltre mille cittadini nella pianificazione dell’area dell’ex caserma e nell’individuazione degli elementi dei quali tener conto nella trasformazione.

lupi di toscana

Elemento portante del piano è la creazione di un grande spazio pubblico centrale ciclo-pedonale intorno al quale vengono organizzate tutte le funzioni, in asse fra l’attuale fermata della tramvia T1 Nenni-Torregalli e il complesso sanitario San Giovanni di Dio. Le due polarità saranno collegate anche attraverso un’innovativa linea di trasporto pubblico passante per lo spazio pubblico centrale e integrata con la circolazione dei pedoni, che funzionerà da servizio di trasporto per residenti e non. Lungo il nuovo insediamento si alterneranno una serie di spazi pubblici definiti come ‘stanze civiche’ in stretta relazione con gli edifici speciali adiacenti, per poi concludersi verso sud con la piazza ‘Lupi di Toscana’. Lo spazio pubblico sarà inoltre caratterizzato da una lunga fascia continua ma sempre permeabile di verde ad elevato tasso di naturalità: per questo, il grande spazio pubblico lineare che è asse del progetto si configurerà, più che come viale, come infrastruttura sociale, verde e di mobilità pubblica. Per quanto riguarda il sistema del verde, il nuovo quartiere sarà caratterizzato da ‘verde di cintura’ (22mila mq), parco esteso (56mila mq) e orti urbani (13mila mq). E’ stata ritenuta parzialmente accoglibile l’osservazione presentata dal Comune di Scandicci sul miglioramento dei collegamenti con la fermata tramviaria Nenni–Torregalli.

Per l’ex caserma Lupi di Toscana, Palazzo Vecchio è candidato ai finanziamenti del bando Pinqua, per due progetti divisi in due lotti, uno da circa 17milioni di euro e l’altro per circa 14milioni di euro. Il primo lotto riguarda una superficie di intervento di 17620 metri quadri di cui 14520 di spazio pubblico all’aperto (8234 mq saranno destinati a verde), su un complessivo di 20 ettari: un edificio di nuova costruzione destinato a Social Housing (Ers), con una superficie utile lorda di 3560 metri quadri, per un totale di 36 alloggi, a cui saranno aggiunti 640 metri quadri per attività commerciali di vicinato, artigianali e terziarie, con almeno una decina di nuove attività. La Palazzina Comando sarà invece recuperata per essere destinata a servizi culturali per una superficie di 2060 metri quadri, con casa della musica, auditorium, sala cinema, sala prove musicali e teatrali, sale polivalenti, biblioteca, spazio giovani innovativo e creativo per attività artistiche e artigianali, spazio coworking e/o autogestione, oltre alla realizzazione di nuove piste ciclabili. La seconda proposta per l’ex caserma Lupi di Toscana prevede un importo totale di richiesta di finanziamento Pinqua per 14.799.789 euro. La superficie dell’area di intervento è di 17560 metri quadri di cui 15335 mq spazio pubblico all’aperto e 4200 mq destinati a verde. Si prevede inoltre la costruzione di un edificio destinato a edilizia residenziale pubblica che avrà una superficie lorda di 2340 mq, per un totale di 24 alloggi, a cui vanno aggiunti 390 mq di spazi per attività commerciali di vicinato, artigianali, terziarie. Il progetto prevede inoltre che la palazzina ovest esistente venga recuperata e destinata a centro educativo integrato 0-6 (un totale di 1070 mq) per nido e scuola per l’infanzia. Infine anche la Palazzina est esistente sarà recuperata e destinata a servizi sociosanitari, una ‘casa della salute’, ovvero una struttura per anziani di livello intermedio fra la vita in casa e il ricovero in una vera Rsa, una palestra popolare, una sala di ritrovo-incontri-lettura, il tutto con un distaccamento di apposito ufficio dei servizi sociali per dare maggiore integrazione. La superficie destinata a queste attività è di 1070 mq di cui 400 mq per servizi per la terza età (sala incontri, palestra e sala polivalente).

La nostra attività è possibile anche grazie al sostegno di queste attività di quartiere
Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close