CronacaNews

Ubriaco con spranga di nuovo all’azione, stavolta in via Tiziano

In serata ancora ubriaco con spranga che minaccia passanti, stavolta in via Tiziano. Probabile che si tratti della stessa persona

Il_Tazebao

Ieri, verso mezzanotte, dopo l’episodio di via del Perugino, nuovamente un episodio di violenza di un personaggio che ha dato in escandescenze con una spranga, stavolta in via Tiziano a Ponte a Greve. Il soggetto in questione, dalla descrizione e dalle modalità, visibili in un video qui alla fine dell’articolo, parrebbe trattarsi del medesimo uomo che aveva compiuto gli stessi gesti poche ore prima al Cavallaccio. Ipotesi avvalorata dal fatto che questo secondo evento si è verificato a meno di due chilometri dal precedente; inoltre l’uomo aveva una spranga di ferro probabilmente ricavata da una transenna stradale e con quella avrebbe, anche in questo caso, minacciato un passante.  Sul posto sono intervenuti i Carabinieri e il 118.

ubriaco con spranga via tiziano

«Stavo rientrando a casa, quando dalla curva dietro l’incrocio mi è sbucato all’improvviso questo personaggio barcollante, con una spranga in mano, che parlava da solo e sventolava il bastone per l’aria – racconta un residente della strada – È sbucato d’improvviso in mezzo di strada, fortunatamente andavo piano e sono riuscito a scansarlo. Poi ho visto un uomo che scappava impaurito e ho capito che questo lo stava inseguendo con la spranga. Si è fermato vicino a una transenna, a distanza, come rimasto immobile per qualcosa, l’altro provava a tranquillizzarlo. Sono subito rientrato in casa e ho chiamato le forze dell’ordine. Dopo poco sono intervenuti i Carabinieri e un’ambulanza e dalla finestra ho visto che portavano via con l’ambulanza quello con la spranga, che mi pareva pesantemente ubriaco».

La nostra attività è possibile anche grazie al sostegno di queste attività di quartiere
Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close