CronacaNews

Nuovo incendio al Poderaccio, discarica data alle fiamme

Un’altra discarica abusiva data alle fiamme  nei pressi del campo rom del Poderaccio, sono almeno tre episodi in venti giorni

Un nuovo incendio ha fattto accorrere i Vigili del fuoco al Poderaccio ieri alle 20, quando le fiamme hanno cominciato a bruciare dei rifiuti abbandonati proprio accanto al campo nomadi. I pompieri erano stati allertati da  diversi residenti del quartiere spaventati che avevano visto una densa nube di fumo sollevarsi al di là dell’Argingrosso e odore di bruciato propagarsi per la zona.

Nuovamente erano stati dati alle fiamme ancora alle fiamme  dei rifiuti e l’incendio stava andando fuori controllo. Sono almeno tre gli incendi analoghi registrati solamente negli ultimi venti giorni, ma molti abitanti  del quartiere dicono che vi sono stati ulteriori episodi in passato. Fortunatamente il pronto intervento dei Vigili del fuoco, oltre che dellla polizia, è riuscito a riportare alla normalità la situazione prima che l’incendio coinvolgesse abitazioni e persone.

Il problema delle discariche abusive e incontrollata era stata denunciata pochi mesi fa dal consigliere di Quartiere 4 Davide Bisconti (Forza Italia), che dichiarava:

«Si tratta oramai di una delle continue segnalazioni da parte di cittadini stanchi del degrado e dell’abbandono che attanaglia il Quartiere dell’Isolotto. Quella di Argingrosso e Poderaccio è una zona completamente dimenticata. Già sopportiamo la presenza del villaggio Rom, a questo si aggiunge il degrado delle zone limitrofe. Riteniamo si tratti di una vergogna: non si può tollerare l’abbandono di rifiuti».

Si riaccende così nuovamente la polemica, che in vero non si è mai spenta, su una porzione di quartiere dimenticata, spessso al centro delle cronache, e per la quale questa estate, a seguito dell’omicidio  del giovane Duccio Dini, si erano smosse molte manifestazioni spontanee di cittadini che portarono migliaia di cittadini in strada per chiedere sicurezza e legalità sull’insediamento del Poderaccio.

 

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close