Curiosità e storia

le sette vie storiche di Ugnano

Dopo le sette vie storiche di Mantignano, riportiamo l’origine del nome di sette vie storiche di Ugnano, che riportano altrettanti fati e curiosità antiche.

  1. Via di Ugnano: anche qui, ovviamente partiamo dalla via che prende il nome dalla frazione. Proprio come è successo a Mantignano, ugnano prende il nome da un centurione romano. Tra gli antichi romani l’usanza di regalare come premio e come pensione ai centurioni dei poderi tra le terre conquistate e Ugnano era la terra di un probabile centurione di nome Unius o similare.

    viuzzo-di-scopaia


  2. Viuzzo di Scopaia: questa stradella prende il nome dall’abbondanza di piante di scopa (e utilissime, prima dell’arrivo delle fibre sintetiche) che un tempo qui crescevano.
  3. Via di Fagna: a dispetto di chi collega questo toponimo con la fogna, relazionandolo al fatto che un tempo questa piana fosse malsana e paludosa, la fagna sembrerebbe essere il nome popolare della farnia, una quercia molto comune in toscana che probabilmente in passato cresceva anche qui. Prova ne è che in Mugello, dove le farnie sono abbondanti, vi sono diverse via di Fagna.

    via-di-fagna

  4. Via del Ferrale: la famiglia medici fu anche a Ugnano: la via deve il nome alla quattrocentesca villa omonima (ma detta anche il Palagiaccio o Agnano)che fu prima dei Nerli e dal ‘600, appunto, dei Medici.
  5. Viuzzo de’ Galli: La via prende il nome dalla famiglia de’ Galli che qui vi abitava.
  6. Viuzzo del Pantanino: questo toponimo, come molti altri nel quartiere e specie in questa zona tra l’Arno e la Greve (via Bassa, via del Pantano, via del Padule, via dell’Isolotto, via delle Isole…) rimanda alla paludosità del luogo: le frequenti inondazioni rendevano spesso la strada melmosa.

     

  7. Viuzzo delle vigne: facile immagine che in queste fertili, per quanto un tempo malsane, pianure, si coltivasse bene la vite, come in alcuni campi in questa zona ancora si vede. Ugnano e la sua piana sono da sempre stato l’orto della città, ma nessun contadino toscana rinunciava al suo filare personale per garantirsi il vino durante il corso dell’anno…
Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close